sabato 14 aprile 2012

Agrigento, prolungata fino al 22 aprile la mostra “Carta bianca” di Tommaso Chiappa

T. Chiappa, Albero della speranza,
olio su tela, 2011

Agrigento - Ci sarà tempo ancora fino al  22 aprile per visitare la mostra “Carta bianca” di Tommaso Chiappa, a cura di Rita Ferlisi e Gabriella Costantino, allestita nelle sale del Palazzo dei Filippini (Via Atenea, n. 272), con il patrocinio del Comune di Agrigento.
La mostra dell’artista palermitano, inaugurata lo scorso 30 marzo, ha riscosso un notevole interesse da parte del pubblico e della critica, al punto che gli organizzatori - l’Associazione culturale Centro del Mediterraneo e il Centro mediazione Italia - hanno deciso di
prolungarne l’apertura per un’altra settimana. Il prolungamento della mostra cade in un momento professionalmente importante per l’artista, che giovedì scorso ha inaugurato una personale (“Works”) nell’Exè Restaurant & Bar dell’Hotel Exelcelsior Hilton di Palermo e che da stasera fino al 28 aprile esporrà le sue opere alla Nagalleria di Firenze con la personale “Cambiamento della specie”.
Come ha scritto Gabriella Costantino nel catalogo della mostra, Chiappa nei suoi monocromi «subisce la malìa del paesaggio agrigentino, dei Templi, di Porta di Ponte, ma anche di strade, case e figure anonime. Dopo aver raccontato Palermo, Milano, New York, ci sorprende con una rappresentazione del nostro paesaggio, naturale e antropico, che si ripropone in continuità con la grande tradizione paesaggistica siciliana capovolgendone il tradizionale verismo-realismo fotografico, per fissare l’attenzione dello “spectator” non più sull’immediatezza visiva di un luogo e di un tempo, ma su una realtà simbolica dai contorni incerti e sfumati, che attinge ad una sorta di immobilità che congela lo spazio-tempo».    
Invariati gli orari di apertura della mostra, che potrà essere visitata dal lunedì al sabato dalle ore 9 alle 13 e dalle ore 15,30 alle 19.



Info e contatti

Associazione culturale Centro del Mediterraneo
Giovanni Nocera, cell. 348 7457877

INpress ufficio stampa
(cell. 329 3167786